Siamo tutti più deboli

L’odierna sentenza della Corte europea per i diritti dell’uomo (sic!), che ha permesso di effettuare la diagnosi preimpianto per selezionare gli embrioni e scartare quelli malati, costituisce l’ennesimo attacco non solo alla vita nascente, ma al concetto stesso di uomo quale si è sviluppato nell’Occidente. Infatti allontanandosi sempre più nel tempo la barbarie della seconda guerra mondiale, si sta perdendo il ricordo di quel che spinse i fondatori dell’Onu a redigere la Dichiarazione universale dei diritti umani per difendere la dignità umana in ogni condizione e circostanza, e si vuol nascondere la discriminazione dei nascituri (i più deboli) dietro il rispetto della libertà degli adulti (i più forti), autorizzati a trasformare desideri (più o meno legittimi) in diritti, anche se calpestano la vita innocente e, magari, malata.

Ora il virus dell’eugenetica (che l’Organizzazione mondiale della sanità non ritiene tale se è frutto di una libera scelta degli individui e non dell’oppressione di uno Stato totalitario) si diffonde sempre più, e sembra rendere incapaci di vedere quale baratro si apra per la famiglia umana dalla sistematica negazione del diritto alla vita dei più deboli.

C’è solo da augurarsi che in appello la decisione possa essere riformata. È evidente infatti che, tolto il diritto alla vita agli individui malati (seppure allo stato embrionale), i passi per indebolire altre tutele dei soggetti in posizione di oggettiva debolezza, per esempio le persone con disabilità (e possiamo diventarlo tutti, non esistono solo le anomalie genetiche) sembrano solo momenti di una strada ormai tracciata. Da oggi (speriamo per poco) siamo tutti più deboli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...