Addio a Gabba

Il mio (piccolo) ricordo di Emilio Gabba uscito ieri su Avvenire

gabba.jpgSe ne è andato in punta di piedi, in una notte di metà agosto, lo studioso di Storia romana Emilio Gabba, professore emerito dell’Università di Pavia e uno dei più insigni storici italiani del Novecento, convinto «dell’importanza dello studio del passato, anche per comprendere il presente». Ieri, assieme ai familiari, tanti amici, colleghi e allievi hanno partecipato al suo funerale nella chiesa di San Francesco a Pavia. Il suo lungo e proficuo magistero (dal 1958 a Pisa e dal 1974 al ’96 a Pavia) è stato ricordato con ammirazione – per la sua capacità di credere nella ricerca e di stimolare gli studenti – nella commemorazione accademica dal prorettore Lorenzo Rampa e dai docenti pavesi Dario Mantovani, Lucio Troiani, Giancarlo Mazzoli, Maurizio Harari e dal pisano Umberto Laffi. Nato a Pavia nel 1927, allievo del rettore Plinio Fraccaro, borsista presso l’Istituto di studi storici di Napoli diretto da Federico Chabod, amico di Arnaldo Momigliano, Gabba ha approfondito le cause economiche, militari e sociali dei fatti storici, dedicandosi soprattutto all’ultimo secolo della Roma repubblicana.
Allo storico Appiano di Alessandria dedicò i primi studi negli anni Cinquanta e curò l’edizione dei 5 libri delle “Guerre civili” nel 2001, insieme con il filologo Domenico Magnino. Fu direttore della Rivista storica italiana, socio dell’Accademia dei Lincei, tenne corsi a Oxford, Berkeley e Philadelphia, fu “fellow” a Princeton e insignito di lauree ad honorem a Digione, Magonza e Strasburgo. Nello studio della storia – ha ricordato nell’omelia don Innocente Garlaschi – riteneva che occorresse «porre attenzione anche ai valori morali e culturali che hanno segnato il tempo passato e che informano tuttora l’azione dell’uomo». A giugno l’ultima sua uscita pubblica, per celebrare il secolo di vita della rivista di studi classici “Athenaeum”, di cui era direttore onorario.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...