Negli studi di botanica di Leonardo la sua visione “ecologica” della natura

A Firenze, una mostra coinvolgente nel rinnovato museo di Santa Maria Novella illustra aspetti poco noti del genio vinciano. Il mio articolo pubblicato due giorni fa su Avvenire, nelle pagine della sezione Agorà.

La Botanica di Leonardo_2
Poliedri leonardeschi nel chiostro di Santa Maria Novella

Un tassello utile per ricostruire a tutto tondo la perso­nalità di Leonardo da Vinci (1452-1519), a conclusione delle celebrazioni del 500° della morte, è rappresentato dalla mostra sui suoi studi di botanica allestita a Fi­renze, nel museo di Santa Maria Novella, a cura di Fritjof Ca­pra, Stefano Mancuso e Valentino Mercati, e prodotta da Abo­ca (aperta fino al 15 dicembre). Nella famosa “lettera di as­sunzione” che Leonardo inviò a Ludovico il Moro nel 1482, di studi scientifici di base – diremmo oggi – non c’è traccia. L’al­lievo di Andrea del Verrocchio si propone al duca milanese so­prattutto come ingegnere militare e civile, e solo secondariamente ri­corda le sue doti di artista: pittore e scultore. Oggi i suoi studi scientifici che più si ricordano riguardano l’a­natomia umana e le proporzioni del corpo, compendiate nell’immagine dell’uomo vitruviano (impressa sul­le monete da un euro coniate in Ita­lia); oppure l’ideazione di macchine di vario tipo, in particolare quelle studiate per volare. La mostra La bo­tanica di Leonardo. Per una nuova scienza tra arte e natura illustra i ri­sultati di un’osservazione del mon­do naturale attenta ai particolari e permette di approfondire il suo pen­siero interessato a una comprensio­ne “ecologica” della realtà. Sugge­stiva è la collocazione nei chiostri di Santa Maria Novella, solo da pochi anni tornati disponibili alle visite: un’area del convento domenicano, dove ebbe luogo il concilio di Firen­ze del 1439 e dove lo stesso Leonardo lavorò nel 1504-05 al cartone preparatorio per La battaglia di Anghiari.

I suoi studi di botanica hanno prodotto risultati tuttora validi scientificamente. A partire dall’osservazione delle acque nei canali infatti, Leonardo stabilì una legge sulla costanza dei flus­si, secondo cui la portata di un liquido in un condotto rimane costante: applicandolo alle piante, ne ricavò la nozione che l’a­rea della sezione del tronco è uguale alla somma delle sezioni dei rami a ogni livello di ramificazione, il cosiddetto “principio di Leonardo”. Sono illustrati, anche con piccoli esperimenti, gli studi relativi al geotropismo, cioè la risposta delle piante al­la gravità; al fototropismo, la risposta alla luce; alla fillotassi, la disposizione delle foglie su un ramo (osservando che è fun­zionale alla migliore ricezione della luce solare, alla migliore dif­fusione della linfa e alla resistenza al vento); alla dendrocro­nologia, lo studio degli anelli concentrici degli alberi per sta­bilirne l’età, con l’osservazione che l’andamento climatico in­fluenza la larghezza degli anelli stessi. Alle ricerche sulla botanica si affiancano sia riproduzioni di al­cuni suoi dipinti ricchi di particolari di foglie e fiori (dalla Ver­gine delle Rocce al Ritratto di Ginevra de’ Benci, all’Annuncia­zione conservata agli Uffizi), sia al­cune citazioni dagli scritti. Convin­to della necessità di fare “esperien­zia”, Leonardo rifiuta di proporsi o­biettivi contrari a quelli della natu­ra «perché nelle sue invenzioni nul­la manca e nulla è superfluo». Da qui l’accettazione – “stando in na­tura” – dell’alchimia, che per Leo­nardo equivale alla chimica, con­trapposta al rifiuto di negromanti e ciarlatani che cercano di sostituirsi alla natura e di mutarne le leggi. A integrare il quadro degli interessi scientifici leonardeschi viene espo­sto il Compendio de divina propor­tione, il trattato di fra Luca Pacioli che Leonardo illustrò con 60 disegni di poliedri. Quattro di questi, che davano corpo a terra, acqua, aria e fuoco (rispettivamente cubo, ico­saedro, ottaedro e tetraedro), sono collocati in grandi modelli nel chio­stro. Alla conclusione della mostra c’è un dodecaedro, simbolo della quintessenza, segno della perfezione formale e della complessità e del mistero dell’uni­verso. L’eredità oggi più rilevante di Leonardo – scrive il fisico Fritjof Capra nel catalogo – è proprio il bisogno «di recupera­re una visione della scienza che onori e rispetti l’unità della vi­ta intera» e «riconosca l’interdipendenza fondamentale di tut­ti i fenomeni naturali».