Un enigma linguistico e una ricerca del senso della vita

 

20180328_173527Una «favola», la definisce il suo autore nella Postilla, ma anche una «storia vera». Certamente Il segreto di Pietramala, primo romanzo del linguista Andrea Moro (docente all’Istituto universitario di studi superiori di Pavia, Iuss), è un giallo culturale: da una ricerca universitaria di tipo glottologico (e filologico) nasce un’avventura intrigante tra la Corsica e New York. Giunto da Parigi con il compito noioso di registrare e analizzare la lingua di un paese remoto dell’entroterra corso, il giovane studioso italiano Elia Rameau (trasparente alter ego professionale dell’autore) si imbatte in un mistero che lo attira a sé e determina una svolta dell’intera sua vita. Infatti il villaggio di Pietramala si rivela non solo deserto, ma abbandonato da secoli, e mostra altre due caratteristiche oscure: non si trova alcun documento scritto (tranne un’iscrizione che si rivelerà decisiva) né – particolare inquietante – alcuna tomba di bambini. L’animo dello studioso prevale sulla tentazione di lasciar perdere un così minuscolo tassello dell’atlante linguistico che è stato incaricato di completare da una prestigiosa società di linguistica francese e, complice l’incontro con la giovane Clara Maria che gli offre una traccia preziosa, oltre a rapirgli il cuore, Elia decide di raggiungere negli Stati Uniti un misterioso professor Ismael Shannon, che pare avere avuto lo stesso interesse per la lingua di Pietramala. Muovendosi tra i meandri della Grande Mela, il giovane scienziato delle lingue potrà contare sull’aiuto di una coppia di attori teatrali (Ariel e Calibano) e di un ascensorista cieco (Ireneo) per giungere a formulare un’ipotesi plausibile a spiegare tutti i misteri. Prima però sarà irretito dalla personalità dell’anziano (e ricco) professore, esponente di un club esclusivo (il Giardino degli Equivalenti) composto da facoltosi studiosi, che da un lato gli fornisce lezioni su arcane scoperte linguistiche e gli offre possibili indizi da analizzare, dall’altro sembra stranamente favorire la perdita di tempo e il disorientamento di Elia. Al punto che il giovane linguista finisce con il cadere in una sorta di crisi esistenziale (la «notte dei lunghi pensieri»), da cui si risolleva anche grazie agli amici attori. Deciso a venire a capo del mistero, Elia individua una pista che scioglierebbe gli enigmi, che però ha bisogno di una verifica finale “in loco”. Rientrato in Corsica potrà accertare la bontà della sua ipotesi, non senza correre qualche serio rischio personale.

Il semplice riassunto non rende ragione della complessità e del fascino del romanzo. Andrea Moro si muove ovviamente a suo agio nelle teorie linguistiche, e riesce così a trasmettere al grande pubblico concetti che solitamente sono ristretti ai lettori dei suoi libri specialistici: I confini di Babele, Breve storia del verbo essere, Le lingue impossibili, i cui temi sono in diversa misura richiamati nel romanzo. Anche la grammatica generativa di Noam Chomsky diventa parte della trama e della soluzione dell’intreccio. E c’è spazio – in un’opera di “invenzione” – per argomenti teorici piuttosto complessi quali i fondamenti neurobiologici del linguaggio e la possibilità di creare una lingua artificiale, da usare come strumento di controllo della popolazione da parte di un gruppo di potere. Ma incuriosisce altrettanto – diventa una sorta di caccia al tesoro – scoprire le molte allusioni, letterarie o meno, di cui il libro è intessuto, che fanno sì che Andrea Moro chieda venia dei “furti” commessi: non mi riferisco alle citazioni vere e proprie degli autori classici e biblici, medievali e moderni, ma di una fitta trama di richiami quasi letterali che vanno da Dante a Manzoni al fumetto di Charlie Brown, da Omero a Saffo e Catullo, per citarne solo alcuni, ma una prima lettura veloce non basta a individuarli e apprezzarli tutti. Anche di Umberto Eco si sentono richiami, soprattutto nell’idea – motore dell’azione nel Nome della rosa, meno nel romanzo di Moro – della riscoperta di un testo perduto della letteratura classica. In Eco si trattava del secondo libro della Poetica di Aristotele, qui del De analogia di Giulio Cesare, il cui manoscritto – dopo aver vagato tra i giansenisti di Port-Royal e Bologna – si immagina giunto a Pavia, città della formazione e dell’attività accademica del professor Moro: custodita sotto l’urna del filosofo Severino Boezio collocata sotto l’arca di sant’Agostino nella chiesa di San Pietro in Ciel d’Oro, l’opera viene recuperata infine in uno scantinato dell’Università. Qualche altra inquietante valutazione meriterebbe lo scioglimento della vicenda, ma occorrerebbe svelare troppi particolari e togliere gusto ai futuri lettori.

Elia è un personaggio piuttosto singolare: ha sei dita nella mano sinistra, soffre di escatofobia (terrore che le cose finiscano), che spiega una sua singolare abitudine: invertire l’ordine delle pietanze, cominciando da caffè e dolce per finire con il primo e gli antipasti. Da bambino vive il trauma della separazione dei genitori e li perde poi abbastanza presto, venendo affidato a una misteriosa – e ricchissima – Signora, che non bada a spese per fornirgli una adeguata formazione universitaria, con tanto di specializzazione a Boston. Ha una passione per la «matematica che sta dentro nella lingua» (avrà un ruolo cruciale nello sciogliere l’enigma) e insegue la propria realizzazione: «Era venuto il momento per me di capire cosa fare della mia vita».  Nel percorso per decifrare la lingua di Pietramala, Elia approfondisce il rapporto tra scienza e fede («la scienza è l’unica porta verso la fede perché illumina quello che non so e forse non potrò mai sapere») e scopre che il fidarsi di qualcuno è la chiave di volta, «è un elemento essenziale della vita»: come gli diceva un suo vecchio professore, gli uomini del Medioevo iniziavano a costruire cattedrali di cui non avrebbero visto la fine, regali a chi non esisteva ancora.

Infine, con un andamento che si scoprirà circolare, il romanzo termina con una riflessione sull’incipit in greco del Vangelo di Giovanni e la sua struttura sintattica: seguendo un messaggio della Signora, Elia medita sulle parole Verbo e Dio. Un romanzo che indaga sulla potenza delle lingue umane («oggetti naturali e non convenzioni culturali di natura arbitraria») non evita di interrogarsi anche sulla Parola per eccellenza, il Verbo.

 

Annunci